Un tempo il Balcone di Romeo e Giulietta era tappa fissa nelle trasferte del Gruppo Bella. Chissà se i cuori rossoneri scappati qua e là torneranno ad avvicinarsi alla beata gioventù che avanza… Troppo comodo tifare solo quando la ruota gira.

“Forse non sarà… un risultato… a cambiare le regole del gioco ma voglio viverla così quest’avventura senza frontiere e con il cuore in gola… e negli occhi tuoi voglia di vincere…”

Quale piacevole sorpresa la classifica pre scontro gobbo… Un tempo era l’abitudine, ora una realtà improvvisa! Sognare così è fantastico. Chi l’avrebbe mai detto?!

Come in una catena di montaggio l’unione fa la forza, senza più troppi capi reparto.

Un sano lavoro certosino, una squadretta unita che si aiuta reciprocamente.

Puntare sui giovani in un’azienda come in una squadra di calcio non è un’idea così balzana… Provare per credere. Gli apprendisti sono sempre i più affamati, hanno grinta da vendere e voglia di spaccare il mondo.

A Lapadula manca poco per sbloccarsi. E che dire di Locatelli? Con giocate semplici, alla prima da titolare, è già pronto per andare dal ferramenta a farsi fare copia delle chiavi di casa.

Un tempo l’Arena di Verona era culla di talenti musicali con il Festivalbar, ora ospita la rinascita di un Milan italiano e sbarazzino.

Concentrazione, cuore, cinismo. Incredibile! Anche i giocatori rossoneri sanno segnare da lontano… E con reti di rara bellezza.

“Le occasioni fioccano come neve nelle tormente del Nebraska”.

Diesel sponsor fa rima con “Diesel squadra”! Sarà un caso?

La Milano calciofila cinese ha di questi tempi due volti contrapposti: serenità rossonera vs polemiche altrui.

Dopo tanti anni si arriva a Milan-Juve con la consapevolezza di giocarcela, provare non costa nulla. Al fischio d’inizio riaffioreranno dolci ricordi del passato che daranno ancora più carica al diavolo.