Avete corso molto negli ultimi tempi, cercando disperatamente di non farvi cogliere impreparate dalla prova costume?

Non è che potete arrivare perfette o quasi sulle spiagge e poi il resto dell’anno cadere a pezzi.

A meno che le endorfine prodotte per raggiungere il vostro scopo vi abbiano fatto stare talmente bene che, anche se siete soddisfatte della vostra linea, non smetterete più di correre.

Ebbene, è quasi arrivato il momento di partire per le vacanze e riservare nella vostra valigia un posto speciale per le scarpe e l’abbigliamento da running.

Nike and sea

Come ci si comporta quando si corre in vacanza? Le regole o i suggerimenti da seguire sono gli stessi di quando si corre in città e, se prevale il buon senso, va sempre tutto bene. Proviamo a ripassare insieme.

Correre al mattino presto è sempre preferibile per tutta una serie di motivi. L’aria è fresca e non si muore dal caldo, ci sono poche persone in giro e, se correte sul lungomare o sulla pista ciclabile, non dovrete fare gli slalom tra bimbi in bicicletta e cani con il guinzaglio troppo lungo. Inoltre riattivate il metabolismo! Se riuscite a uscire per la corsa prima di fare colazione bevendo soltanto un caffè, sarà tutto a beneficio della vostra linea.

nike woman

Bevete sempre. Anche se uscite nelle ore più fresche. Piccoli sorsi bastano altrimenti se sforzate molto con l’attività fisica rischiate di vomitare. In commercio esistono piccole borracce forate al centro per essere impugnate comodamente. Oppure usate la classica camel bag. Copritevi la testa con il cappello e, soprattutto se correte ad alta quota, usate sempre la protezione solare.

A proposito di corse in alta quota, ci sono scarpe apposite da trail running per affrontare gli sterrati. Le discese sono belle dopo aver faticato tanto nell’affrontare le salite, ma vanno percorse con cautela, a protezione dei vostri tendini e delle vostre ginocchia.

Se correte su strade prive di marciapiede, procedete sempre contromano. In questo modo sarete più visibili agli automobilisti e avrete voi più visibilità ed eviterete di intralciare il traffico. Dopo il tramonto, invece, fatevi vedere con abbigliamento riflettente o lampada frontale. Sorpassate gli altri runners sulla sinistra e sulle piste ciclabili mantenete la destra.

Quando correte in stradine isolate, ascoltare la musica in cuffia è la cosa più pericolosa da fare. Correre in luoghi isolati è di per sé pericoloso. Evitatelo se potete. E comunque il cellulare deve essere sempre carico, in qualsiasi situazione o luogo corriate.

Avete le mestruazioni e non avete voglia di andare in spiaggia. Andate a correre, si può! Ma non fidatevi quando vi dicono che non cambia nulla. Non è vero. Siete più stanche, vi sentite giù e magari siete anche arrabbiate. Quindi niente sforzi in eccesso, e integrate la vostra normale dieta con alimenti ricchi di sali minerali.

E a proposito di alimentazione, cercate di mangiare più frutta e verdura: sono cibi alcalinizzanti che riducono l’acidità e riequilibrano il ph. E’ importante per il benessere e la vitalità, e quindi per l’energia che deriva direttamente dalla ‘benzina’ che mettete nel vostro corpo. Portatevi in vacanza anche un piccolo frullatore e, dopo ogni allenamento, preparatevi una centrifuga o uno smoothie (magari sostituendo il latte vaccino con il latte di soia). E’ un’ottima abitudine da prendere soprattutto per chi, come me, odia mangiare la frutta.

smoothies

Infine, se in vacanza con voi c’è anche il vostro amico a quattro zampe, correte con lui. Ha passato tutto l’inverno in casa ad aspettarvi, adesso è anche il suo momento. E, se uscite nelle prime ore del mattino, magari potrà farsi un bagno in mare e scorrazzare liberamente sulla spiaggia.

Ah! Un’ultima cosa: quando incrociate altri runners, salutateli e, se siete timidi, basta anche un sorriso o un cenno con la mano. In un mondo dove ormai prevale la comunicazione 2.0, è importante ripristinare il contatto umano, soprattutto con chi condivide la vostra stessa passione. Tutti ma proprio tutti lo apprezzeranno. Anche voi.