Avete presente quanto urla un allenatore come Conte con il terzino che gioca dall’altra parte del campo? Bene, allora pensate come lo stordirebbe se avesse la possibilità di parlargli faccia a faccia durante un time out.

Alla sola idea rabbrividiscono Asamoah e Lichtsteiner, e lo stesso incubo attraversa di sicuro i pensieri di Nagatomo e Jonathan, visto che gli esterni sono la principale preoccupazione di Mazzarri. Una sospensione per parlare con i giocatori «farebbe comodo» al nuovo allenatore dell’Inter, che l’ha sperimentata (una per tempo) in estate, durante l’amichevole contro l’Amburgo in un afoso pomeriggio tedesco.

La categoria degli allenatori è da sempre spaccata sul tema. Nel 1991, quando provò a proporlo Bagnoli, Boškov e Zoff votarono contro il time out e ancora oggi c’è chi, come Mourinho, gradirebbe la pausa (o almeno più libertà di movimento lungo la linea laterale) e chi non ne sente alcun bisogno o non sopporta l’idea che il calcio perda le sue peculiarità fermandosi per un minuto. Un minuto e mezzo o al massimo due, come è accaduto nell’esperimento (rimasto tale) del Mondiale femminile del 1995. La Fifa per ora non ha voluto percorrere questa strada.

 

Time out calcio allenatore

 

Io vedo almeno uno svantaggio, significativo soprattutto per la serie A: certe partite sono così lente e noiose che fermarle sarebbe un atto di masochismo nei confronti dei tifosi. In compenso penso a vantaggi diffusi: aiuterebbe un allenatore a rimettere in sesto la sua squadra che ha subìto due gol in un amen o ha perso un giocatore per espulsione; l’attaccante vanitoso potrebbe approfittarne per sistemarsi la cresta; si venderebbero più gelati, biscotti, noccioline e borghetti in tribuna; sarebbe il momento giusto per trasmettere sul maxischermo gli highlights della partita e, soprattutto, le tv potrebbero mandare in onda una finestra di spot in più.

 

Time out calcio allenatore direttive

 

Giusto o sbagliato che sia, ci si può scommettere: se un giorno la questione del time out si proporrà seriamente sarà per quest’ultimo motivo, le tv. Negli Stati Uniti il soccer dilaga, è uno sport sempre più popolare nei college e anche la Mls ha un appeal consolidato fra gli appassionati. Ma in tv non decolla proprio perché, a differenza degli altri sport, il calcio non offre pause, non ci puoi inserire dentro gli spot. Più pubblicità, uguale maggiore valore economico del prodotto televisivo, e di questi tempi si sa che sono i diritti tv a tenere in piedi la serie A. In Italia abbiamo sopportato per anni la ‘breve pausa pubblicitaria‘ mentre si batteva una rimessa laterale o un giocatore finiva a terra per un fallo. Era fastidioso, ma siamo sicuri che lo sarebbe anche un time out in campo?

 

Time calcio e tv