Il Golf Club Tolcinasco, per il secondo anno consecutivo, ha avuto l’onore di ospitare la pro am “Giorgio forever randajos”. Da tutta Italia si sono radunati professionisti ed amateur per partecipare a questo bell’evento e condividere con la famiglia dell’indimenticabile Giorgio Bordoni una giornata carica di ricordi.

Laura Mantegazza, amica fraterna di Giorgio, a lui legata anche professionalmente, ha dedicato tempo e cuore all’organizzazione dell’evento: perfetto, dall’arrivo dei partecipanti ai calorosi arrivederci. Laura ha preparato, tra l’altro, per questa seconda edizione, un libro fotografico, con dediche scritte a caldo durante la giornata da regalare a Simona, moglie di Giorgio, e ai carissimi Mattia e Luca, che tanto lo ricordano.

golf club giorgio forever randajos

E che dire del prezioso pensiero donato a noi tutti… una carta di credito in argento riportante alcuni tra i modi di dire più cari a Giorgio!

marta baudo

Anche gli sponsor hanno fatto a gara per essere presenti con prestigiosi premi e gadget originali. Nulla è stato lasciato al caso.

Giorgio era e resterà nei ricordi di tutti come un amico vero. Una persona speciale, che prematuramente nell’estate del 2013 ci ha lasciato. Più unico che raro… Averlo conosciuto è stato un dono.
Non per nulla Silvio Grappasonni, durante la premiazione, ha speso parole toccanti e significative ricordando le qualità professionali di Giorgio, coach stimatissimo e autentico innovatore… oltre che compagno di avventure randagie.

locandina golf club giorgio

A chiudere la giornata l’asta di beneficenza guidata sempre dal mattatore di turno, Silvio Grappasonni, con tanti oggetti prestigiosi in palio, come la bandiera del Masters 2015, autografata addirittura da Tiger Woods e Jordan Spieth.

Tutti uniti anima e cuore per sentire Giorgio sempre vicino.

La giornata è stata vissuta con quello spirito allegro e spensierato tanto caro a Giorgio… nonostante qualche lacrima sia potuta scappare…

D’altronde, anche mentre insegnava, trasmetteva ai suoi allievi un mood di gioco del tutto inusuale.
Quante volte caro Giorgio mi hai spronato a tirare un bel drive proprio con le tue esclamazioni…
Ognuno dei partecipanti senz’altro coltiva dentro di sé un ricordo del grande Giò Giò, ma tutti abbiamo vissuto questa giornata tra profonde emozioni e nostalgia.