Un Diavolo non fa primavera, anzi il Milan è già appassito.
Le prime temperature miti e i dispiaceri del weekend disturbano il sonno.
In notti lontane si gustava il 2 a 0 all’Allianz Arena, con i rossoneri a essere la prima squadra vittoriosa lì. In questo restiamo maestri.
Altro che la batosta laziale in Europa; a San Siro però sono mezzi vivi!
Potere milanista è far risorgere tutte le squadra che sono in crisi.
Difesa laziale imbarazzante. Neanche due gol riusciamo a fare. Il Milan di Ancelotti ci credeva fino al 95esimo; questo?
I partenopei si che da situazione di svantaggio ribaltano le partite.
Higuain trascina il Napoli con doppiette. E da noi ? Manca il vero top player.
Andamento lento e per di più abbonati a pali e traverse! Modesti, imbarazzanti. Altro che “l’intensità” proclamata da Montolivo. Milan… Di che cosa hai paura ? Di te stesso ?
Tifosi indiavolati, giocatori no!
La migliore astuzia del diavolo è farci credere che non esiste.”

primavera-san-siro
Dalla Darsena al Colosseo calma piatta. Distanze invariate.
Occasioni perse a valanga: mai capaci d’approfittare degli svarioni altrui.
Fratelli d’Italia… Dov’è la vittoria ? #mainagioia
Si contano sulle dita di una mano le belle partite rossonere di questo campionato che hanno illuso i tifosi. Un girone fa Lazio – Milan è stata, casualmente, bella.
Oltre ad attaccarsi al teorema del bel gioco (utopico al momento) e alimentare scenari di ribaltamenti (sempre dannosi), Berlusconi si presenta a bordo campo con il candidato sindaco di Milano. Una volta compariva con nuovi acquisti o con proclami di grandi investimenti, guarda a caso nel clou della campagna elettorale!
Solo se si investe in qualità arriva il bel gioco! Dover ricominciare a giugno da zero equivarrebbe a perdere altro tempo.

In campo avrei mandato uno sportivo e rossonero vero, Matteo Manassero, presente sugli spalti, tutto grinta e cuore! Altro che le controfigure subentrate nel finale giusto per timbrare il cartellino.

La famigerata sosta per le nazionali cadrebbe a fagiolo per ricaricare le batterie in riserva e a ridare un po’ della lucidità perduta.