Chi l’avrebbe mai detto che i tifosi avrebbero rinunciato alla sacrosanta consuetudine del pranzo domenicale per andare allo stadio? E invece… tutti i doveri domenicali sono stati rispettati: dal voto, al rito religioso, alla presenza sugli spalti. Il cuore ha vinto.

Non è la prima volta che mi tocca godere di una densa cioccolata calda post stadio, causa lunch match! Alcune abitudini tipicamente british fuori dal loro contesto perdono significato. Altro che i tempi delle partite alle 15.

Certo, se il Milan giocasse sul serio dal primo minuto si soffrirebbe di meno…
I piccioni in campo non si capiva se stessero con i rossoneri o contro.

Che spavento porta il vento del Sud a San Siro, panico fino alla “zona Lapadula”! Non esistono più le squadre materasso! Il Crotone ha cercato di compiere l’impresa a San Siro, un vero osso duro.

Il rigore sbagliato non faceva presagire bene… Di questi tempi non c’è feeling tra Niang e il pallone, farebbe bene a dedicarsi all’atletica leggera!

Anche De Sciglio avrebbe bisogno di un reset… Va in nazionale e sembra forte, torna nel Milan e diventa l’ombra del giocatore visto con l’Italia. C’è Antonelli che scalpita: facciamolo giocare!

Pubblico che borbotta e sbuffa fino alla gioia insperata finale.

Tre punti sofferti come non mai, stringendo i denti, ma che valgono oro, ancora di più dopo la vittoria della Roma nel Derby capitolino.

I gol di Lapadula sono le luci di un Milan che vince comunque. Implacabile.
“Ci sono nel calcio dei momenti che sono esclusivamente poetici: si tratta dei momenti del «goal». Ogni goal è sempre un’invenzione, è sempre una sovversione del codice: ogni goal è ineluttabilità, folgorazione, stupore, irreversibilità.”

I tifosi milanisti oggi si rispecchiano nel leone guerriero che s’è preso la squadra sulle spalle. La notifica di sfratto a Bacca è ufficiale!
Alla prima da titolare a San Siro arriva il gol sotto la Sud per Hula Hoop. Cosa chiedergli di più? Evitare gialli inutili per la trance agonistica.
Che disdetta il sacrificio di Kuco, per ingenuità altrui.
A Roma cuore oltre l’ostacolo per tentare l’impresa! Spareggio nell’Urbe. Sant’Ambrogio pensaci tu…

Il Milan è l’invitato a sorpresa al banchetto reale. La classifica resta bella e incredibile.

Referendum Milan: no bellezza, si concretezza.