Ogni anno Milano è tutta un fermento durante la Design Week! Questa settimana di Aprile è un save the date obbligatorio per l’agenda dei milanesi, e non solo.

Il Fuori Salone poi, contempla mostre, eventi, esibizioni artistiche, e riscuote quasi più interesse rispetto al Salone del Mobile vero e proprio.

Tutti si mettono in gioco. Dal design si spazia verso altri ambiti: tecnologia, moda e l’ormai onnipresente food.

mdw-marta

mdw-lampada

marta-bibendum-mdw

Di anno in anno le zone della città ricche di eventi sono in aumento. A ogni angolo dei distretti, kermesse imperdibili, anche serali, muovono folle di partecipanti grazie al richiamo esercitato da prestigiosi brand, come per esempio Tag Heuer  in cooperazione con Belvedere e Tod’s.

mdw-tag-heuer

Peccato duri solo una settimana! Troppo breve per potersi godere le numerose installazioni sparse ovunque. Citandone alcune, dalle abituali zone Tortona – Savona a Brera, alla Statale, alle new entry in zona 5 Vie, c’è da perdersi. Persino Hermes presenta le sue collezioni per la casa, mix tra equilibrio e fantasia, nello spazio esclusivo del Teatro Vetra, adibito ad hoc, tra luci e ombre.

Girando in città viene voglia di scoprire tutte le location e i palazzi aperti al pubblico per l’occasione. Ogni installazione ha una sua storia alle spalle.

mdw-chiostro

Chicca irrinunciabile in Brera, nei chiostri di San Simpliciano, la “50 manga chairs” del designer Nendo. Suggestiva esposizione di sedie, finite a specchio, con un valore simbolico originalissimo.

sedie-mdw-salone

milano-design-week-sedie

milano-design-2016

Così, in contemporanea con la funambolica Design Week, anche sulla panchina rossonera avviene una vera rivoluzione! Mossa che sembra fuori dal comune, da pazzi! Ma solo il tempo e il campo saranno le bocche della verità.
D’improvviso la fortuna, invocata a lungo, va dalla tua parte… solo questione di una notte?

Finalmente vincenti dopo un mese e mezzo di astinenza nel segno di B.

B come gli uomini chiave che scardinano il risultato di Samp – Milan ovvero Bacca, Bonaventura.

B come il nuovo allenatore rossonero, catapultato a “rianimare” la prima squadra.